the hypocrisy of religious extremism


killing for godNo matter wich side you watch it, religious extremism is always using things to justify its own acts.

There is no place for self-criticism, just only God rules as they claim to be. Science is one of the first victim, as well as the freedom of speech and the right to criticism.

No other idea can be admitted, just only the truth and righteous one, and of course there are only a few that can show what this truth is.

th

Can be the Koran, the Bible, the Torah and Talmud or the Book of Mormon, we always find someone who knows the truth and because of that truth claim the others are bad.

But the most intriguing thing about religious extremism is that they pretend to apply their moral to all the others because they (the extremists) are the righteous and they reserve themselves the right to use any instrument, even the most evil according to their belief, to fight their war.

So if a non muslim make a drawing of the prophet can be killed, because the moral standard is applied to himher even if with a different religion. Even if this happen in a country where this is not considered against the law. This means that it is not allowed to anyone to act with a different standard even if those acts does not put in danger anyone.

Censorship is not new, the extremism here is that it led to violence, unjustified rage and even murder. I’ve seen even in the recent past blaming drawing (movies, plays, books) on christians and christianity, but luckily the violent reactions are related to a strictly small part of the population.

The aim justify all, this is the reason that allow killings even using kids as a weapon to give murder: just remember the last shocking episode of the ISILISIS video of the kid killing two men, or the use BOKO HARAM did of the 10 yold with bombs. But just to be clear, we could find out that in Central African Republic (CAR) the slayers are Christians and the lambs are the Muslims check this article :

Christian militias take bloody revenge on Muslims in Central African Republic

This double standard is also used toward science and education: they reject modernity but use the same istrument the blam to recruit and talk.

Internet is not allowed but it is used as an instrument of propaganda. The interesting thing is that those movements have toward technology and science a sort of parasite attitude. Rejecting instruction from basic to higher layer they, basically, do not give any contribution to the developing of a technology safe environment, on the contrary use it only for purpose that are not even allowed in their own environment.

So they depend on technology to move the war against the world that create that technology, and acquire the technology using some of the dirtiest methods like, as an example, selling drugs.

So the good and righteous are allowed to do the same thing they blame on other. This is not a blueprint of Islam, most of the extremist religious movements have this kind of approach, that sometimes can lead to killing. May be someone remember the christian extremist campaign against abortion in USA, that lead some adepts to kill, or the homophobic campaign in some countries that find Muslims and Christians on the same side to blame, put in jail and even kills people with a “different” sexuality.

Religious extremism at the end live with a dangerous mix of hypocrisy, facts distortion, and the tendency to use tribal or ethnic costumes inside its complex set of rules. The reason is simple, to be more attractive and safe it represent an old idyllic time where the righteous were ruling that area.

This not always lead those movement to terrorism or killing, of course, but the same process that justify the denial of evolution or the use of modern technology can grow further up to mass murdering.

This is the denial of the world as it is, and the will to force it into religious parameters that can be controlled.

At a certain level we all have this inside us, the problem is that extremists close completely the door to any confrontation, they do not see, not hear but the words of their guide.

Of course this is not only a problem related to religious communities, we can have also political belief that degenerate into such madness, in Italy we saw it both in the far right and far left movements during the age of internal terrorism.

it is always the same:

we are right so anything we do is justified,

  • if you are not with us you’re against us,
  • you have to respect our belief but we do not respect yours since is bad and evil
  • you have to respect our customs and traditions, we will not follow your rules that are blaspheme or immoral
  • if we do it is because we are fighting for the good cause, if you do it you’re an evil monster
  • anybody can be a target, no one is without guilt

But religious belief make this stronger and God is always a good reason to justify the most terrible actions, may be you remember what was written on the Nazi’s SS belt buckle: gott mit uns gott mit uns

One interesting result of the extremists is the raising of islamophobia in western world. If you try to check out statistics about the perception on Islam around the world it’s clear that there is a raise of fear against this religion, without distinction between extremist and non-extremist.

The takeout is the rising of movement against islamic community that has as a result the  of that community. In other words hate feed hate.

And does not make any sense to bring the attention to facts on both part, being extremist makes you invulnerable to facts, you follow your path no matter what.

 

var aid = ‘6055’,
v = ‘qGrn%2BlT8rPs5CstTgaa8EA%3D%3D’,
credomain = ‘adkengage.com’,
ru = ‘http://www.thepuchiherald.com/wp-admin/post.php’;
document.write(”);

the hypocrisy of religious extremism was originally published on The Puchi Herald Magazine

Advertisements

Charlie Hebdo, fanatismo, integralismo e noi


Non cessa mai di stupirmi come un evento tragico scateni spesso e sovente la pare peggiore di noi: invece di fermarsi a pensare, ragionare ed analizzare cosa sia successo si parte in crociate semplicistiche quanto dannose.

Mi riferisco ovviamente alle deliziose affermazioni di Calderoli, che critica il Papa per dialogare con l’Islam, come se quest’ultimo non abbia la grandezza morale, etica e culturale per farlo, fortuna che c’è lui [Calderoli] a indicare la via.

Del resto la chiusura delle frontiere e l’uscita da Schengen caldeggiata da Salvini va in quella direzione. Che facciamo, chiudiamo le frontiere a chi viene da specifiche aree geografiche indipendentemente dalla loro condizione? Si molti scappano da guerra, fame distruzione e morte, ma tutto sommato la dichiarazione dei diritti dell’uomo a loro non si applica, non sono come noi.

Aggiungiamoci anche un bel divieto di ingresso a chiunque non professi una religione gradita, alla faccia della laicità dello stato.

Va da se che poi è il duo CalderoliSalvini a decidere quali siano le religioni accettabili o meno dall’alto della loro superiorità morale (vedi il discorso sul pontefice di prima).

Del resto questi sentimenti di illuminata apertura e civiltà non sono isolati, basta vedere un paio di pagine di libero, da quella di oggi:

libero

Giusto giusto per non gettare benzina sul fuoco si presentano le cose come qui sotto:

libero2

Ma questo è Libero, un giornale che per compiacere il suo pubblico utilizza toni estremi e “forti” per dar voce al piccolo razzista che è dentro di noi.

E non si tratta solo del fatto che Libero sia un giornale “militante”, una volta si sarebbe detto di partito, la stampa militante può fare comunque giornalismo citando anche le risposte contro l’attentato provenienti dal mondo incriminato, è il caso, ad esmpio, de Il Fatto quotidiano

Il Fatto

Nei disegni tratti da editoriaraba spicca “Siamo tutti Charlie”, in arabo, del collettivo libanese Samandal. La penna insanguinata è del siriano Ali Ferzat; il sudanese Arbaih firma “Sono solo un musulmano” tra i due opposti islamici e occidentali.

La “stilo tirata fuori alla parola revolver” è anonima; l’algerino Ali Dilem disegna la vittima con la scritta “dei coglioni mi hanno ucciso”. “Io penso, quindi non ci sono più” è del libanese Ma-zen Kerbaj.

Negare la matrice Islamica dell’attentato non ha senso, sono concorde. Il problema è capire cosa voglia dire matrice Islamica.

Tutti i mussulmani sono terroristi, integralisti, maschilisti e via dicendo?

In realtà no, all’interno dell’Islam, come del cristianesimo del resto, vi sono tante diverse entità. Si tratta non solo della differenza tra sciiti e sunniti, ma anche delle differenze interne ai singoli gruppi. Generalizzare e semplificare non porta ad una visione chiara e coerente di quello che accade, ma serve solo ad alimentare un inutile razzismo che provoca ulteriori escalation di violenza ed integralismo.

In questo senso, ad esempio, è facile leggere le motivazioni degli attacchi alla moschee in Francia e in Svezia. Il oro unico risultato è quello di esacerbare ulteriormente gli animi ed alimentare quella spirale che porta sempre più musulmani ad abbracciare la via dell’integralismo.

Un integralismo, si chiaro, che ha origini lontane, ben sponsorizzato ed alimentato non, come molti pensano dall’Iran, che è a maggioranza sciita, ma dai movimenti wahhabiti che fanno capo all’Arabia Saudita. Non a caso Bin Laden nasce in quell’ambiente e che i macellai di Charlie Hebdo si richiamino ad Al-Qaeda. La visione integralista di questa area culturale-religiosa giustifica anche l’uso di tradizioni secolari (secolari intese come non religiose) che integrano la legge coranica, imponendo una rigida separazione dei sessi, e chicche come il burka o il divieto di studiare per le donne (vedi quello che accade tra talebani e califfato islamico) o di guidare (come in Arabia Saudita).

Non è un caso se, mentre in Iran dove esiste una costituzione le donne accedono ad università, guidano e votano in Arabia Saudita la monarchia assoluta non è limitata da nessuna costituzione e le donne che osano guidare infrangendo il divieto vengono arrestate e processate come terroriste (fatto reale).

Le generalizzazioni, quindi, portano a considerare movimento univoco qualcosa che non è definibile in tale maniera.

è però innegabile che esista una crescente presenza di estremisti di matrice islamica che portano la visione dell’islam agli estremi attuali, ed è vero che le moschee in europa sono i luoghi principali ove avviene il reclutamento, del resto molte di queste sono finanziate da movimenti wahhabiti che hanno una certa connivenza culturale con i fenomeni più estremisti.

Fossero queste le basi della analisi forse si potrebbe incominciare a ragionare in termini di contromisure, in quanto la lotta all’estremismo integralista, di qualsiasi matrice esso sia, non può non partire da considerazioni culturali e dalla comprensione reale del fenomeno.

In questo senso, sono articoli come quello del il Giornale di oggi a cura di Giuseppe de Bellis

giornale

che mi trovano in totale disaccordo. (per contrappeso vi suggerisco di leggere anche questo articolo di Sciltian Gastaldi che offre un approccio esattamente duale alla questione: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/08/charlie-hebdo-dilemma-delle-riformiste-moderate/1322274/)

Indicare in un Islam generico il nemico non vuol dire esserne connivente.

Non si tratta di buonismo, quando si cercano distinguo, ma di comprendere la natura del fenomeno per affrontarlo in maniera coerente e corretta. Questa è una guerra che non si può vincere solo con le armi, anzi le armi servono ad alimentarla.

La radicalizzazione dello scontro serve solo ad alimentare lo scontro stesso, ma questo in realtà è proprio quello che le frange radicali di entrambe le parti vogliono: è in fatti nello scontro e nella radicalizzazione che trovano le ragioni del loro sostentamento sia politico che economico.

Purtroppo la ragione ha sempre la peggio, perché richiede uno sforzo di comprensione e un dialogo con la controparte che, come ci rammenta Calderoli, è sbagliato.

Oggi anche coloro che avevano invocato la censura su Charlie Hebdo non per le vignette sull’Islam, ma per quelle sui cristiani e sulla gerarchia ecclesiastica si dicono fautori della libera stampa e attaccano il mondo Islamico, ma senza un minimo di autocritica queste parole suonano vuote e sterili. Se si avesse la decenza di dare a Cesare quello che è di Cesare allora si potrebbe ricordare che quando la rivista satirica francese pubblicò le famose (o famigerate) vignette su Maometto non lo fece perché fosse concorde con il loro contenuto, ma perché la redazione non poteva accettare che si facessero discriminazioni contro la libertà di stampa ed espressione che loro consideravano assoluta. Loro di sinistra avevano dato ospitalità a vignette “di destra” perché sopra tutto vi era il diritto laico di poter parlare di tutto e tutti senza dover essere giudicati, uno spirito ben lontano dal gesto di Calderoli che mostrò la maglietta con una vignetta incriminata non a difesa della libertà di stampa, ma per aperta e dichiarata accettazione del sottointeso messaggio islamofobo che quelle vignette volevano comunicare.

Intanto Boko Haram (significa “l’educazione occidentale è proibita”), ufficialmente chiamato Jama’atu Ahlis Sunna Wal-Lidda’Awati Jihad (persone impegnate per gli insegnamenti del Profeta per la propagazione e la Jihad) ha compiuto l’ennesima efferata terribile strage uccidendo altri mussulmani e non con lo scopo di creare un altro califfato sulla scia dell’ISIL (Islamic State of Iraq and the Levant) e di quello che vorrebbe creare Al-Quaeda: tutti provenienti dalla stessa matrice religiosa, tutti impegnati ad uccidere indifferentemente persone di qualsiasi credo che non sia il loro.

var aid = ‘6055’,
v = ‘qGrn%2BlT8rPs5CstTgaa8EA%3D%3D’,
credomain = ‘adkengage.com’,
ru = ‘http://www.thepuchiherald.com/wp-admin/post.php’;
document.write(”);

Charlie Hebdo, fanatismo, integralismo e noi was originally published on The Puchi Herald Magazine